Guerra in Ucraina: Aiuti e Informazioni - Aggiornamento

Data di pubblicazione:
07 Marzo 2022
Immagine non trovata

La presente pagina vuole fornire informazioni e aggiornamenti sulle azioni in corso sul territorio dell'Unione Terra di Mezzo per dare sostegno ai cittadini di nazionalità ucraina.

Contributo di sostentamento
E' attiva sul portale del Dipartimento della Protezione Civile la piattaforma per richiedere il contributo di sostentamento, riservato ai cittadini di nazionalità ucraina giunti in Italia dopo il 24 febbraio 2022 e che hanno trovato una sistemazione autonoma, anche presso parenti, amici o famiglie ospitanti.
Tutte le informazioni al link https://contributo-emergenzaucraina.protezionecivile.gov.it/#/

Raccolta beni di prima necessità
Ogni Comune dell'Unione si sta organizzando per favorire la raccolta di generi di prima necessità da indirizzare in canali sicuri e tracciati.
Per il Comune di Bagnolo in Piano, in collaborazione con AUSER, Caritas e CRI, sarà operativo il Centro di Raccolta comunale presso la sede della Croce Rossa Italiana (Via Tassone), aperto il mercoledì dalle 11 alle 14 e il sabato dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16. Medicinali e dispositivi medici si raccolgono presso la Farmacie Comunale (Via Borri 2/F, c/o Centro Commerciale Multiplo - Tel. 0522.957124) e la Farmacia Panciroli (Piazza Garibaldi 9 - Tel. 0522.951027).
Per il Comune di Castelnovo di Sotto, dal Lunedì al Venerdì - dalle ore 9 alle 12 e dalle 15 alle 18 alla sede della Pubblica Assistenza & Soccorso di Castelnovo Sotto e Cadelbosco Sopra in via Francesco Petrarca 6 (Castelnovo di Sotto).
Per il Comune di Cadelbosco di Sopra, verranno comunicate di volta in volta luogo e orari. Medicinali e dispositivi medici si raccolgono presso la Farmacia Martelli (Via Alpi 1/B a Cadelbosco Sotto) e la Farmacia Bertolani (Via Mons. Saccani, 1/I).

  • Prodotti uso quotidiano: sacchi a pelo, coperte, asciugamani.
  • Prodotti alimentari a lunga conservazione (non in contenitori di vetro): pasta, riso, farina, tonno e carne in scatola, biscotti confezionati, the in bustine e caffè solubile, piatti, bicchieri e posate monouso.
  • Prodotti per igiene personale: pannolini per bambini, salviette umide, sapone, shampoo.
  • Medicinali e dispositivi da raccogliere in confezioni integre, con data di scadenza superiore ai 6 mesi e non sotto forma di campioni gratuiti (elenco disponibile presso le Farmacie).

Si raccomanda a chi vuol donare di attenersi alle categorie citate; altri prodotti, in particolare vestiti, non verranno accettati, in quanto non potrebbe esserne garantita la distribuzione.

Assistenza sanitaria
Agli stranieri sprovvisti di permesso di soggiorno, le Ausl rilasciano un tesserino sanitario con codice Stp (Straniero temporaneamente presente), che garantisce l'assistenza sanitaria su tutto il territorio nazionale.
Le persone indigenti, con autodichiarazione del proprio stato di indigenza, saranno esonerate dal ticket, in analogia con quanto avviene per i cittadini italiani, per quanto concerne: prestazioni sanitarie di primo livello, urgenze, stato di gravidanza, patologie esenti o soggetti esenti per età o in quanto affetti da gravi stati invalidanti. Gli indigenti che non rientrano in queste categorie, con l’Stp pagheranno il ticket alle stesse condizioni dei cittadini italiani e non a quelle normalmente applicate ai cittadini Extra Ue.
All'arrivo in Emilia Romagna saranno sottoposti a tampone per la ricerca di Sars-CoV-2. In caso di positività è previsto l'isolamento di durata 7-10 giorni, a seconda dello stato vaccinale, e l'assistenza gratuita del Servizio Sanitario Regionale. Ai cittadini stranieri che non hanno eseguito la vaccinazione Covid-19, sarà proposta gratuitamente, con conseguente rilascio di Green Pass. All'arrivo in Emilia Romagna è previsto anche un test di screening per la ricerca della tubercolosi. 
Il punto di accesso all'Azieda USL per i cittadini ucraini che trovassero sistemazione nei comuni dell'Unione Terra di Mezzo (Bagnolo in Piano, Castelnuovo Sotto, Cadelbosco Sopra) è al Centro Famiglia Straniera, in Viale Risorgimento n° 80 a Reggio Emilia (Palazzina H - Piano 0 ), accessibile tutte le mattine (tranne venerdì e domenica) dalle 8:30 alle 12:30. Dal lunedì al sabato, negli stessi orari, è consigliato telefonare allo 0522/296061 per fissare un appuntamento per il ricevimento.

Per chi NON HA BISOGNO di un alloggio
Occorre distinguere tra i cittadini ucraini già regolari sul territorio nazionale e quelli ancora irregolari. In particolare:

Cittadini ucraini regolari: tutti coloro in possesso di passaporto biometrico o provenienti da un Paese dell’area Schengen (es. Slovenia o Polonia) le cui autorità hanno già apposto sul passaporto il timbro di ingresso. Costoro sono esentati dal visto d’ingresso, NON devono presentarsi in Questura e possono permanere sul territorio italiano fino ad un massimo di 90 giorni, ma l’ospitante (italiano o ucraino) è tenuto a effettuare la Comunicazione di Ospitalità [Allegato n. 2] entro 48 ore a:

  • Ufficio URP, Piazza Garibaldi 5/1, Bagnolo in Piano, tel. 0522.957438, se residente a Bagnolo in Piano
  • Ufficio Polizia Municipale, P.zza Libertà 1, Cadelbosco Sopra, tel. 800.567590, se residente a Cadelbosco di Sopra
  • Ufficio Polizia Municipale, P.zza 4 Novembre 1, Castelnovo Sotto, tel. 800.567590, se residente a Castelnovo di Sotto

allegando fotocopia dei documenti di identità di ospitato e ospitante.

Cittadini ucraini irregolari: tutti coloro che non sono in possesso di un passaporto con timbro di ingresso o sono sprovvisti di documenti di riconoscimento. Costoro devono contattare uno dei Consolati ucraini in Italia, che rilascerà loro un certificato di identità con validità 6 mesi (ciò vale anche per i minori accompagnati da adulti qualora non sia possibile verificare la dichiarata potestà genitoriale). Solo una volta regolarizzati, gli ospitanti saranno tenuti a dare la comunicazione di ospitalità di cui sopra. In caso di documenti non regolari, i cittadini ucraini arrivati sul territorio dell'Unione Terra di Mezzo (Comuni di Bagnolo in Piano, Cadelbosco Sopra e Castelnovo Sotto) devono regolarizzare la loro posizione entro 8 giorni dall'arrivo sottoscrivendo la dichiarazione di presenza [Allegato n.3] presso la locale Stazione Carabinieri.

Contestualmente alla sottoscrizione della dichiarazione di presenza, sempre presso la Stazione Carabinieri i cittadini ucraini potranno avviare l'iter per il rilascio del permesso di soggiorno per protezione temporanea. Entro la scadenza della validità dei 90 giorni, i cittadini ucraini saranno contattati direttamente dall'Ufficio Immigrazione della Questura per fissare un appuntamento per il disbrigo della pratica.

Permesso di soggiorno
A far data dall'11 marzo 2022 le Questure, e dal 18 marzo 2022 anche le Stazioni Carabinieri, sono autorizzate ad acquisire le richieste di permesso di soggiorno per protezione temporanea (esenti da imposta di bollo). Il rilascio al richiedente della ricevuta mod. 209, corredata di foto e codice fiscale, può essere utilizzata ai fini di accedere alle prestazioni di carattere sanitario. Il soggiorno per protezione temporanea avrà durata annuale a decorrere dal 4 marzo 2022, con scadenza comunque al 4 marzo 2023. Esso è riservato ai soli cittadini ucraini e loro familiari residenti in Ucraina prima del 24 febbraio 2022 e sfollati dall'Ucraina a partire dallo stesso giorno. Per ogni informazione, contattare

  • Questura di Reggio Emilia , Ufficio Immigrazione, Via Dante Aligheri 10, dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 13,00, su appuntamento al pomeriggio e al sabato, tel. 0522 458615

Per chi HA BISOGNO di un alloggio
Contestualmente alla sottoscrizione della dichiarazione di presenza presso la Stazione Carabinieri, i cittadini ucraini potranno manifestare lo stato di indigenza e la necessità di un alloggio per sè e per la propria famiglia, compilando il relativo modulo [Allegato n.1]. Successivamente saranno contattati dall'Ufficio Immigrazione della Questura per essere inseriti all’interno di un progetto di accoglienza straordinaria (CAS).

Disponibilità all'accoglienza
Nell’eventualità che il Ministero dell'Interno attivasse un sistema di accoglienza territoriale dei rifugiati aperto alle famiglie, è possibile segnalare la propria disponibilità all’accoglienza compilando il modulo dedicato. Se dovesse presentarsi questa necessità, le famiglie che avranno segnalato la propria disponibilità all'accoglienza saranno contattate dal Servizio Sociale dell'Unione. Lo stesso modulo è disponibile per indicare eventuali appartamenti di proprietà da segnalare ai responsabili del circuito Servizio di Accoglienza straordinario (CAS) gestito dalla Prefettura di Reggio Emilia, e da destinare alla popolazione ucraina in fuga dalla guerra.

Gli appartamenti devono avere le seguenti caratteristiche:

  • essere immediatamente o rapidamente disponibili
  • essere dotati di servizi igienici idonei
  • avere la conformità degli impianti di adduzione del gas per uso alimentare, dell'impianto di riscaldamento e dell'impianto elettrico

I proprietari saranno successivamente contattati dai referenti delle cooperative sociali L'Ovile e Dimora d'Abramo, soggetti incaricati dalla Prefettura per la gestione degli appartamenti, al fine di definire il contratto di affitto.

N.B. Per ogni segnalazione di arrivo prevista o avvenuta sul territorio si può contattare il Servizio di Sportello Sociale al numero 335.7678626 o inviare una mail a sportellosociale@unioneterradimezzo.re.it